images/stories/1-pagina/78.jpg
images/stories/1-pagina/80.jpg
images/stories/1-pagina/84.jpg
images/stories/1-pagina/85.jpg
images/stories/1-pagina/87.jpg
images/stories/1-pagina/AB9.jpg
images/stories/1-pagina/B16.JPG
images/stories/1-pagina/F24.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani33.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani39.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani48.jpg
images/stories/1-pagina/campo26.jpg

Grande giornata finale, giovedì 16 maggio, per il "Progetto 110", l'iniziativa del Ventimiglia che avvicina i bambini al gioco del calcio. A partire dalle 9,30 gli alunni di Nervia, Roverino e Latte (circa 170, 6-10 anni) saranno impegnati al Morel in una serie di attività propedeutiche al gioco più bello del mondo.

Le lezioni, svoltesi a 110 anni dalla fondazione del club granata, sono decollate a gennaio grazie anche alla disponibilità della preside Antonella Costanza e della coordinatrice scolastica Elisabetta Ferrero.

Il progetto ha avuto l'okay del direttore sportivo del Ventimiglia, Veneziano, e del direttore tecnico, Vitetta. Vi hanno aderito, con entusiasmo, gli allenatori della società granata. Il tutto a costo zero per le scuole e per i baby-calciatori.

Ideatore e responsabile del progetto è il tecnico granata Gianfranco Massullo. Per quasi quattro mesi e con cadenza settimanale i vari "mister" si sono recati a turno nelle tre scuole ventimigliesi.