images/stories/1-pagina/65.jpg
images/stories/1-pagina/73.jpg
images/stories/1-pagina/78.jpg
images/stories/1-pagina/82.jpg
images/stories/1-pagina/85.jpg
images/stories/1-pagina/AB9.jpg
images/stories/1-pagina/B16.JPG
images/stories/1-pagina/F24.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani33.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani39.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani48.jpg
images/stories/1-pagina/campo26.jpg

Rileggendo la classifica finale del Campionato di Promozione 2013-14 si ha l’impressione di un torneo senza storia; Ventimiglia primo (65 punti) con 7 punti di vantaggio sulla seconda e 9 sulla terza, ma non fu affatto semplice superare la concorrenza del Quiliano, dell’Albissola e della Carlin’s boys, tre squadre che si erano strutturate in maniera importante (e che nel giro di due stagioni conquistarono tutte e tre la promozione in Eccellenza).

Il Ventimiglia non partì forte (solo due vittorie nelle prime 8 giornate) ma concluse alla grande il girone di andata conquistando sette vittorie consecutive. Alla 12° vinse contro il Taggia, lo scavalcò in testa alla classifica e non mollò più la prima posizione fino alla fine.

Grande condottiero, in panchina, era l’attuale mister, Fabio Luccisano, ma la rosa era veramente di tutto rispetto, per la categoria. 

L’attacco contava sul bomber Lamberti (17 gol), su Bosio (10 gol), oltre a Carlet e Cascina.

Anche il centrocampo era praticamente di categoria superiore: Principato, Miceli, Allegro e Cafournelle (10 gol) trovarono pochi rivali.

Sugli esterni due “under” di grandissima qualità, Ala ed El Kayari, oltre a Spagnuolo, Trimboli, Capelli e Palumbo.

La difesa, imperniata su Scognamiglio, Tursi, Cadenazzi, Mamone e Ambesi fu ovviamente la meno battuta del torneo.

Il 7 aprile (terz’ultima giornata), vincendo la gara casalinga contro il Cerale, il Ventimiglia conquistò la certezza matematica della promozione e nel video riviviamo quella giornata indimenticabile.