images/stories/1-pagina/78.jpg
images/stories/1-pagina/80.jpg
images/stories/1-pagina/84.jpg
images/stories/1-pagina/85.jpg
images/stories/1-pagina/87.jpg
images/stories/1-pagina/AB9.jpg
images/stories/1-pagina/B16.JPG
images/stories/1-pagina/F24.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani33.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani39.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani48.jpg
images/stories/1-pagina/campo26.jpg

6 maggio 1983. Dalla fusione tra l’U.S. Ventimigliese e l’F.C. Intemelia nasceva il Ventimiglia calcio.

Le due società cittadine, che da anni rivaleggiavano ad alti livelli nel campionato di Promozione, decisero di unire le forze e di dar vita ad un’unica società con il chiaro intento di approdare finalmente al campionato di serie D.

Furono diverse le riunioni che precedettero l’atto di fusione, ed ebbero inizio già il 17 aprile. Vi presero parte, per la Ventimigliese il presidente Silvio Coppo, il vicepresidente Ferruccio Marchetti , Giorgio Pesce e il geometra Giorgio Clemente. Per l’Intemelia il presidente Jean Marie Freccero, il dott. Ugo Muratore, Berto Gilberto e il comm. Albino Ballestra.

Nei vari incontri vennero stabiliti i principi fondamentali che avrebbero guidato la nuova società e fu convenuto che i colori sociali sarebbero stati quelli del blasone della città di Ventimiglia, il rosso bordato di oro.

Il nuovo direttivo fu composto dal presidente Silvio Coppo, dal vicepresidente Jean Marie Freccero, dal presidente del settore giovanile dott. Ugo Muratore, dal segretario Michele Calabria e dal cassiere Mauro Pesce.

Fondendo gli organici delle due società prese vita una delle squadre più forti del ponente ligure, che dopo tre tentativi andati a vuoto per un soffio (tre secondi posti consecutivi), centrò finalmente il salto in serie D nel 1987.

Anche il nuovo settore giovanile, sia numericamente che qualitativamente, era di altissimo livello e per anni dominò tutti i campionati sia a livello provinciale che regionale.

Appena fondato, il Ventimiglia calcio fu chiamato ad inaugurare il nuovo impianto sportivo sorto a Camporosso, in zona Braie, il “Raul Zaccari”. Il campo, dotato di un favoloso manto erboso e pista di atletica, fu battezzato da una gara amichevole tra il Ventimiglia calcio e una formazione giovanile della Juventus.

Il Ventimiglia schierò l’intero organico, quello della foto seguente, che dà l’idea del grande potenziale della neonata società.

In alto Invernizzi (allenatore), Bosio, Ferlito, Graglia, Stecca, Galletti, Fabbri, Galbiati, Russo, Rotella, Cassini. Accosciati Mantelli, Patricelli, Brigenti, Ribaud, Laura, Acquarone, Molinaro, Cammareri.

 

Settembre 1983 Inaugurazione Zaccarijpg