images/stories/1-pagina/65.jpg
images/stories/1-pagina/73.jpg
images/stories/1-pagina/78.jpg
images/stories/1-pagina/82.jpg
images/stories/1-pagina/85.jpg
images/stories/1-pagina/AB9.jpg
images/stories/1-pagina/B16.JPG
images/stories/1-pagina/F24.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani33.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani39.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani48.jpg
images/stories/1-pagina/campo26.jpg

Il Ventimiglia calcio ringrazia tutte le persone (e sono state davvero tante) che lunedì si sono presentate al campo di calcio per iniziare i lavori di pulizia e sgombero di ciò che la piena del fiume vi aveva depositato.

Genitori, giocatori, dirigenti, amici, collaboratori, ma anche ex giocatori ed ex tecnici granata hanno voluto dare il loro contributo in questo drammatico momento e si sono alternati nell’arco di tutta la giornata per fare ciò che era nelle loro possibilità.

E’ stato quasi commovente vedere tutto questo spiegamento di forze, inizialmente scoordinato, ma sicuramente efficace.

Tutti questi volontari avevano davanti ai loro occhi un disastro, cataste di roba infangata, eppure si sono dati da fare con grande impegno.

Parlando poco mentre lavavano, spostavano, aiutavano e aprendo la bocca solo per dire «Questo, dove lo metto?.

Avevano gli stivali, i pantaloni e le mani incrostate di fango, ma non hanno mollato.

C’è mezza città inondata e anche lì ci sarebbe un lavoro immane da fare, ma loro sono venuti a dare una mano qui, nell’impianto sportivo dove giocano, dove allenano, dove hanno giocato in passato o dove giocano i loro figli.

Sono grandi persone e la società li ringrazia pubblicamente.

E’ stata una giornata importante, che resterà impressa nella memoria di chi c’era e che ha contribuito a risollevare il morale di chi ora si appresta a ricostruire, partendo quasi da zero, tutto quello che in poche ore è stato spazzato via.