images/stories/1-pagina/58A.jpg
images/stories/1-pagina/59A.jpg
images/stories/1-pagina/60A.jpg
images/stories/1-pagina/61A.jpg
images/stories/1-pagina/63.jpg
images/stories/1-pagina/65B.jpg
images/stories/1-pagina/AB8.jpg
images/stories/1-pagina/F24.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani33.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani39.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani48.jpg
images/stories/1-pagina/campo26.jpg

Michael Ventre 2Sotto 1-0 dopo il rigore messo a segno da Barone, il Ventimiglia si è salvato a tempo quasi scaduto nel match che lo vedeva affrontare in trasferta l'Arenzano. Con l'1-1 odierno i granata si riprendono il punto tolto dal giudice sportivo e si sistemano al sesto posto in classifica. Prossimo appuntamento in casa con l'Albenga.

A risolvere una situazione che si era fatta inaspettatamente complicata è stato il giocatore con il più alto tasso tecnico dei granata, Michael Ventre (foto), autore di una magica punizione che in zona Cesarini ha gelato i genovesi, ormai convinti di aver conquistato la prima preziosissima vittoria.

In precedenza entrambe le squadre, prima il Ventimiglia al 10', poi l'Arenzano al 35', erano andate vicinissime al vantaggio, ma due pali avevano negato la gioia del gol.

 

 

 

ARENZANO-VENTIMIGLIA CALCIO         1-1     (77' Baroni rig.) (83' Ventre)

Arenzano: Catanese, Calcagno, Tobia, Lupi, Baroni, Pirozzi, Fossati, Damonte, Craviotto, Baroni, Mancini. A disposizione:  Berruti, Oggianu , Cosentino, Bisio, Minardi, Terlizzi
Ventimiglia Calcio: Scognamiglio, Peirano, Ierace, Addiego, Musumarra, Salzone, Rea, Allegro, Eugeni, Ventre, Ala. A disposizione: Dodaro, Bestagno, Oliveri, Mamone, Leggio, Managò, Sparma, Salzone, Bertone