images/stories/1-pagina/58A.jpg
images/stories/1-pagina/59A.jpg
images/stories/1-pagina/60A.jpg
images/stories/1-pagina/61A.jpg
images/stories/1-pagina/63.jpg
images/stories/1-pagina/65B.jpg
images/stories/1-pagina/AB8.jpg
images/stories/1-pagina/F24.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani33.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani39.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani48.jpg
images/stories/1-pagina/campo26.jpg

Il calcio è uno sport strano: dopo aver preso un palo e una traversa negli otto minuti iniziali ti senti la partita in mano. E invece dopo meno di mezzora ti trovi magari sotto di due gol e diventa difficilissimo recuperare.

Così è accaduto al Ventimiglia Calcio che alla fine si è dovuto piegare (2-3) ad un Pietra Ligure non irresistibile. La classifica di Eccellenza dice ancora quinto posto per i granata, non c'è da disperarsi dopo due sconfitte consecutive. Anche se in vista c'è il derby con l'Ospedaletti, partita rischiosissima come tutti i derby e dove spesso vince la squadra sfavorita. 

La cronaca racconta che al 6' il Ventimiglia centra un palo con una gran bordata di Ierace dalla trequarti e all'8' una traversa con una bomba di Musumarra dal limite. Partita in discesa? Macché. Il Pietra Ligure nel primo tempo fa due tiri e due gol: il primo è di Metalla (23'), una spizzata su cross di Rovere; il secondo dello stesso Rovere (26') al termine di una gran confusione in area granata. Il Ventimiglia accusa il doppio colpo, la situazione peggiora ancora dopo l'uscita (infortunio) di Peirano, esterno difensivo quantomai prezioso. Al 39' Ventre tira da fuori area, secondo i granata Pastorino ha respinto dall'interno della riga di porta ma l'arbitro la pensa diversamente. In compenso poco dopo il savonese Alfano, solo davanti a Scognamiglio, lancia la palla alle stelle.

Nella ripresa il coach Luccisano manda in campo Ala, Calcopietro e Managò per dare un po' di sprint alla fase difensiva e in effetti la situazione migliora. Ma per vedere il primo gol del Ventimiglia bisogna aspettare il 70': Calcopietro è steso in area, Ventre batte il rigore con la consueta freddezza. Pallone da una parte, portiere dall'altra: 2-1. La festa dura poco perché i gialloblù vanno sull'1-3 grazie ancora a Metalla.

Il Ventimiglia non depone le armi. All'87' Managò si presenta solo davanti a Pastorino e, nonostante la giovane età, non perde la testa infilando la palla nell'angolino sulla sinistra del portiere. Poi ancora un lungo recupero ma il risultato resta inchiodato sul 2-3.

 

 

VENTIMIGLIA CALCIO-PIETRA LIGURE     2-3   (Ventre 70' rig., Managò 87')  (Metalla 23' e 85', Rovere 26')

Ventimiglia: Scognamiglio, Peirano, Ierace, Mamone, Musumarra, Addiego, Rea, Allegro, Trotti, Ventre, Leggio. A disposizione: Serpe, Ala, Oliveri, Bertone, Morscio, Calcopietro, Managò, Eugeni. Allenatore: Luccisano
Pietra Ligure: Pastorino, Corciulo, Praino, Puddu, Rovere, Genta, Balla, D'Arcangelo, Metalla, Ballone, Alfano. A disposizione: Alberico, Pili, Barone, D'Aiuto, De Miranda, Battuello, Roda, Varaldo, Giglio. Allenatore: Pisano.