images/stories/1-pagina/53A.jpg
images/stories/1-pagina/59A.jpg
images/stories/1-pagina/60A.jpg
images/stories/1-pagina/61A.jpg
images/stories/1-pagina/63.jpg
images/stories/1-pagina/65B.jpg
images/stories/1-pagina/AB8.jpg
images/stories/1-pagina/F24.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani33.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani39.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani48.jpg
images/stories/1-pagina/campo26.jpg

Amine AkkiouiDomenica scorsa, nel match giocato con la Sestrese, tra le fila granata ha fatto l'esordio in prima squadra Mohammed Amine Akkioui, ragazzo del 2003 cresciuto nel settore giovanile del Ventimiglia calcio.

Amine, schierato in mediana accanto a Musumarra, ha giocato decisamente bene, dimostrando un’ottima personalità e nel corso della gara ha fatto vedere anche delle belle giocate (tra le altre Amine ha dato anche il via all’azione che ha portato al gol del pareggio).

D’altronde Akkioui nel corso di tutta la sua trafila nel settore giovanile ha sempre fatto molto bene, dimostrando le sue doti sotto la guida di tutti gli allenatori che lo hanno avuto in rosa (Luccisano, Bevilacqua). E non si è mai tirato indietro mettendosi al servizio della squadra sia quando è stato impiegato come trequartista, sia quando è stato schierato davanti alla difesa.

Amine è un giocatore tecnicamente completo, dotato di un buon senso della posizione unito ad alcune doti naturali che pochi alla sua età hanno. Ovviamente ha ancora grandi margini di miglioramento e la speranza è che inserito nel gruppo della prima squadra, accanto a giocatori tecnicamente bravi, non possa che migliorare.

Se l’augurano tutti: la società, che punta molto su questo ragazzo, i compagni di squadra, che stanno vivendo le sfide del girone playout con tanta voglia di dimostrare il loro valore e di raggiungere una salvezza decisamente meritata e ovviamente gli allenatori, che conoscono bene Amine e che ora sanno di avere una freccia in più al loro arco.