images/stories/1-pagina/53A.jpg
images/stories/1-pagina/59A.jpg
images/stories/1-pagina/63.jpg
images/stories/1-pagina/65B.jpg
images/stories/1-pagina/70B.jpg
images/stories/1-pagina/F24.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani33.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani39.jpg
images/stories/1-pagina/Pulcani48.jpg
images/stories/1-pagina/campo26.jpg

A Capodanno è mancato Enzo Neuhoff, ex allenatore della Ventimigliese. Arrivò nel campionato 77/78, la società era molto ambiziosa e la ricerca di un tecnico capace, carismatico e possibilmente vincente, fece cadere la scelta su Neuhoff.

Da giocatore era stato un esemplare capitano nelle fila dell’Albenga. Di lui si conoscevano le qualità tecnico-atletiche, era dotato di un gran fisico, ma soprattutto la grande passione e la serietà professionale. Giocò oltre dieci anni nell’Albenga, poi a Sanremo e Taggia.

Quella allenata da Neuhoff era una squadra molto forte, composta da Brigenti, Fabbri, Lapini, Colucci, Ummarino, Calabrese, Rizzin, dal portiere rigorista Melani, poi ancora Cammareri, Molinaro e Amarella.

Neuhoff rimase a Ventimiglia solo un anno, conquistando un 5° posto. Nella foto sotto Neuhoff è il primo in alto da sinistra.

Nelle scorse ore è scomparso anche il padre della dirigente dei 2007, Serena Gerbaudo. Da dirigenti, tecnici e tesserati granata le condoglianze alla famiglia Gerbaudo.

 

Neuhoff